82.596 casi di morbillo in Europa nel 2018, dati Oms

0

82.596 persone hanno contratto il morbillo in Europa nel 2018, il 61% dei casi è stato ospedalizzato. Nel 2018 i contagi sono stati il triplo rispetto al 2017 e 15 volte in più rispetto al 2016. Sono i dati dell’Oms che riguardano la diffusione del morbillo in 47 dei 53 Paesi europei lo scorso anno.

72 sono state le vittime, a confermare i segnali di allarme recenti. Stanno lentamente risalendo le percentuali sulle vaccinazioni, arrivate al 90% sulla seconda dose nel 2017 e leggermente superiori al 95% sulla prima dose, ma in ogni caso sono ancora insufficienti, difformi tra Paesi e tra regioni degli stessi Paesi. Così la dott.ssa Zsuzsanna Jakab direttore dell’Ufficio regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità: “Il quadro per il 2018 chiarisce che l’attuale ritmo dei progressi nell’innalzare i tassi di immunizzazione sarà insufficiente a fermare la circolazione del morbillo”.

Il 95% è la soglia di sicurezza anche per la seconda dose e nel 2017 in 34 Paesi non è stata raggiunta. Il Piano d’azione europeo sui vaccini per il periodo 2015-2020 (EVAP) prevede il 95% su entrambe le dosi in ognuno dei 53 Stati membri. Fattore cruciale per la sicurezza di tutti, dei più piccoli e di chi non può essere vaccinato.

Strumenti indispensabili per raggiungere l’obiettivo sono: accesso equo ai servizi sanitari; coinvolgere chi non è stato vaccinato; vaccinazione e consapevolezza negli operatori sanitari; rafforzare la fiducia verso sanità e vaccini e il dialogo con chi chiede informazioni in merito.

Info: Oms Europa, dati diffusione morbillo 2018 e vaccini 

la tua pubblicità qui
Condividi.

Sull'Autore

Lascia un Commento