Impatto economico e sociale della malattia di Alzheimer, dati Censis Aima

0

ROMA – 600mila malati di Alzheimer in Italia, numero destinato ad aumentare. Questi alcuni dei dati diffusi oggi da Censis e Aima Associazione italiana malattia di Alzheimer nel rapporto Impatto economico e sociale della malattia di Alzheimer e presentati a Roma presso la biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini”.

In Italia e nel resto del Mondo su stima Adi (Alzheimer’s Disease International) si assiste a un nuovo caso di demenza ogni 3,2 secondi. In Italia l’età media delle persone malate di Alzheimer è di 78,8 anni, nel 1999 era di 73,6 anni. Invecchia la popolazione dei malati e invecchiano contemporaneamente anche i caregiver che hanno in media 59,2 anni, 53,3 anni nel 1999.

Ancora sui caregiver. La persona che assiste il malato dedica 4 ore al giorno di assistenza diretta e 10,8 ore di sorveglianza. “Il 40% dei caregiver, pur essendo in età lavorativa, non lavora e rispetto a dieci anni fa tra loro è triplicata la percentuale dei disoccupati (il 10% nel 2015, il 3,2% nel 2006). Il 59,1% dei caregiver occupati segnala invece cambiamenti nella vita lavorativa, soprattutto le assenze ripetute (37,2%). Le donne occupate indicano più frequentemente di aver richiesto il part-time (26,9%). L’impegno del caregiver determina conseguenze anche sul suo stato di salute, in particolare tra le donne: l’80,3% accusa stanchezza, il 63,2% non dorme a sufficienza, il 45,3% afferma di soffrire di depressione, il 26,1% si ammala spesso”. Aumentano i malati che vivono nella propria abitazione, 34,3% nel 2015 contro il 22,6% del 2006.

I caregiver nella gran parte dei casi sono i figli dei malati, nel 37% dei casi i partner, nel 38% dei casi badanti. Diminuisce il supporto che il caregiver può ricevere dagli altri familari, dal 53,4% nel 2006 al 48,6% nel 2015. Il 47,8% dei caregiver dispone di tempo libero legato alla disponibilità di servizi e farmaci per Alzheimer. La percentuale sale al 68,8% nel caso abbia il supporto di una badante.

Info: Censis, impatto economico e sociale Alzheimer 

la tua pubblicità qui
Condividi.

Sull'Autore

Comments are closed.